top of page

LAGO DI COMO

Al Monte Moregallo per Sant'Isidoro

Escursione al Monte Moregallo, divertente colle a ridosso di Lecco e dei Corni di Canzo.
Hike-difficulty-icon.png
E
Hike-duration-icon.png
4:30 h
Hike-extension-icon.png
8.5 km
Hike-elevation-icon.png
Hike-rating-icon.png
920
7
description

ESCURSIONE

Parcheggiamo l'auto in località Piazza Rossè (m250, frazione di Valmadrera, voltare da Viale Promessi Sposi in Via Preguda, quindi in Via Piazza Rossè). Da qui partiamo a camminare, seguendo le frequenti indicazioni per il Sasso di Preguda.


Dopo un primo tratto in cui striscia a contatto con i confini di proprietà private, il percorso si fa un poco più ripido: qualche bel tratto nel bosco, quindi eccoci arrivati alla chiesetta di Sant'Isidoro (m647, 1 ora), costruita a ridosso di un grosso masso erratico, il Sasso di Preguda, proveniente dalle valli di Sondrio. Il luogo, panoramico e tranquillo quanto è di facile accesso, è ideale per una gita di mezza giornata. Alle spalle della chiesetta, pareti rocciose dirupanti nel Lago di Como.


Dopo una sosta, riprendiamo il sentiero 6 che ci condurrà fino in vetta, inizialmente risalendo la cresta assolata del Moregallo, quindi, di fronte ad un panettone roccioso, si sposta sul versante sud nascondendoci la vista del lago.


Su tracciato ripido e scivoloso, saliamo con numerosi tornantini fino ad una bocchetta sulla cresta, da cui possiamo ammirare nuovamente il panorama sul lago.


La cima del Moregallo, visibile ora per la prima volta, sulla sinistra, dista ancora 20 minuti: prima scendiamo di qualche metro verso un'altra forcella, quindi torniamo a salire lungo l'ultima rampa erbosa, al termine della quale ci appare finalmente la croce di vetta (m1276, 1.30 ore) e la piccola statua della Madonna.


I potenziali panorami dalla vetta sono in parte coperti (in direzione NE) da unboschetto. Bella vista sul ramo di Lecco, sui Corni di Canzo con il Rifugio SEV, sul Cornizzolo e il Monte Rai, sul Resegone, sulle Grigne e sul Monte Barro, isolotto verde che spunta nella pianura.


La discesa (2 ore) può essere effettuata per lo stesso percorso, oppure dal versante ovest (Bocchetta di Sambrosera), con un breve tratto attrezzato con qualche catena.

Mappa

MAPPA

Foto

FOTOGRAFIE

COSA PORTARE

La montagna è un ambiente pericoloso: assicurati di avere sempre l'attrezzatura adeguata — scarpe da escursionismo o trail, vestiti pesanti e impermeabili in caso di cambiamenti inaspettati delle condizioni metereologiche, un piccolo kit di emergenza.

 

Ho fatto una "nota della spesa" Amazon per verificare che tu abbia tutto — p.s. se compri da questi link, il 3% va a sostenere lo sviluppo e il mantenimento di Hikes of the World 🙏.

 

  • Maglietta traspirante (esempio)

  • Felpa, pile, o giacca leggera

  • Giacca a vento impermeabile (per esempio: uomo / donna)

  • Guanti e berretto (non si sa mai)

  • Zaino con copertura per la pioggia

  • Bastoncini da trekking (non indispensabili, ma aiutano a scaricare il peso dello zaino e ad alleggerire i colpi alle articolazioni)

  • Scarpe da trekking o da trail running (in gran voga ultimamente perché leggere. Queste Salomon — uomo e donna — sono un ottimo entry-level, meglio se Gore-Tex)

  • Per ferrate: kit completo da ferrata (io ho questo, molto leggero e compatto, con questo imbrago ed elmetto — o puoi comprare kit completi). Compra in negozio per ricevere supporto ad hoc

  • Per dormire una notte in rifugio: lenzuolo sacco o sacco a pelo leggero

  • Borraccia o thermos

  • Ramponcini leggeri se pensi di trovare ghiaccio o neve sul percorso

  • Power bank o caricatore per il cellulare

  • Macchina fotografica

  • Drone, per chi ama "volare" (usato con moderazione e a distanza da altre persone. Ho il DJI Mini 2 da oltre 2 anni e mi ci sono trovato molto bene. Il DJI Mini 3 permette anche di scattare fotografie in verticale)

  • Piccolo kit di emergenza (esempio)

  • Crema da sole (indispensabile)

  • Occhiali da sole

ESCURSIONI NELLA STESSA REGIONE

bottom of page