top of page

VALLE D'AOSTA

Al Rifugio Barbustel, nel cuore del Parco Naturale del Monte Avic

Laghi cristallini e lariceti dall'aria nord-americana, in meno di 3 ore di cammino.
Hike-difficulty-icon.png
T
Hike-duration-icon.png
4:30 h
Hike-extension-icon.png
9.6 km
Hike-elevation-icon.png
Hike-rating-icon.png
700
8
description

ESCURSIONE

Il Parco Naturale del Monte Avic, nella bassa Valle d'Aosta, è celebre per una costellazione di laghi cristallini, coronati da viste sui lontani Monte Bianco e Monte Rosa.


Una delle escursioni più celebri nel Parco Naturale del Monte Avic è quella al Rifugio Barbustel, e ai laghi che lo contornano, immersi in un lariceto rado che ricorda i selvaggi parchi naturali del Nord America. Nonostante il Rifugio Barbustel si trovi nella Valle di Champdepraz, i più lo raggiungono invece dalla Valle di Champorcher, dove si può partire da una quota più elevata (1750 m circa, invece dei 1250 m di Covarey, il punto di partenza dalla Valle di Champdepraz).


Parcheggiata l'auto in uno dei pargheggi nei pressi dell'Alpe Cort (1760 m), si prende a risalire l'emissario del Lago Muffé, corteggiandone le acque e saltando dalla sinistra alla destra orografica, accompagnati da un bel bosco di abeti e larici.


Quando le conifere si fanno meno rade, e il sentiero si fa meno pendente, avvistiamo la baita del Bar Ristoro Muffé, a pochi metri dalle acque trasparenti del Lago Muffé (2080 m, 50 minuti). La breve durata dell'escursione, la quota, il lago cristallino e non troppo freddo (ideale per un bagno), e la bellezza del rifugio rendono questo posto una meta ideale (e molto frequentata) per giovani famiglie.



Noi proseguiamo invece in direzione del Col Lago Bianco (2309 m, 40 minuti), serpeggiando su un altopiano, punteggiato da radi larici. Giunti al passo, scolliniamo nella Valle di Champdepraz, e raggiungiamo in pochi minuti il Rifugio Barbustel (2205 m, 15 minuti).


Al Rifugio Barbustel troviamo un paesaggio analogo, caratterizzato da larici radi, che lasciano intravedere laghi turchesi, e le cime innevate del Monte Rosa all'orizzonte. Qui possiamo goderci il pomeriggio facendo un bagno al Lago Bianco o al Lago Nero, o facendo due passi alla terrazza panoramica pochi metri a nord del rifugio, che regala viste sul gruppo del Monte Rosa.



Per rientrare alla macchina, si percorre lo stesso sentiero dal Rifugio Barbustel a Cort (1.30 ore) passando per il Col Lago Bianco e il Bar Ristoro al Lago Muffé.


Per chi vuole un itinerario può lungo, dal Rifugio Barbustel si può estendere l'escursione fino al Gran Lago, o intraprendere un giro ad anello molto (molto) più lungo che tocca Gran Lago, Lago di Mezove, Col Fussi (e Monte Glacier), Rifugio Dondena, facendo poi ritorno a Cort dalla Valle di Champorcher.



Mappa

MAPPA

Foto

FOTOGRAFIE

ESCURSIONI NELLA STESSA REGIONE

COSA PORTARE

La montagna è un ambiente pericoloso: assicurati di avere sempre l'attrezzatura adeguata — scarpe da escursionismo o trail, vestiti pesanti e impermeabili in caso di cambiamenti inaspettati delle condizioni metereologiche, un piccolo kit di emergenza.

 

Ho fatto una "nota della spesa" Amazon per verificare che tu abbia tutto — p.s. se compri da questi link, il 3% va a sostenere lo sviluppo e il mantenimento di Hikes of the World 🙏.

 

  • Maglietta traspirante (esempio)

  • Felpa, pile, o giacca leggera

  • Giacca a vento impermeabile (per esempio: uomo / donna)

  • Guanti e berretto (non si sa mai)

  • Zaino con copertura per la pioggia

  • Bastoncini da trekking (non indispensabili, ma aiutano a scaricare il peso dello zaino e ad alleggerire i colpi alle articolazioni)

  • Scarpe da trekking o da trail running (in gran voga ultimamente perché leggere. Queste Salomon — uomo e donna — sono un ottimo entry-level, meglio se Gore-Tex)

  • Per ferrate: kit completo da ferrata (io ho questo, molto leggero e compatto, con questo imbrago ed elmetto — o puoi comprare kit completi). Compra in negozio per ricevere supporto ad hoc

  • Per dormire una notte in rifugio: lenzuolo sacco o sacco a pelo leggero

  • Borraccia o thermos

  • Ramponcini leggeri se pensi di trovare ghiaccio o neve sul percorso

  • Power bank o caricatore per il cellulare

  • Macchina fotografica

  • Drone, per chi ama "volare" (usato con moderazione e a distanza da altre persone. Ho il DJI Mini 2 da oltre 2 anni e mi ci sono trovato molto bene. Il DJI Mini 3 permette anche di scattare fotografie in verticale)

  • Piccolo kit di emergenza (esempio)

  • Crema da sole (indispensabile)

  • Occhiali da sole

bottom of page